La casa di Henriette

Quanto sono importanti le nostre radici?

presentazione del libro di e con DOMENICO BARRILÀ
edito da SONDA

con Francesco Antonioli

I possessori della Carta Extra possono prenotare il posto in sala.

Sicilia, fine anni Sessanta del secolo scorso. Durante una delle visite al cimitero, seguite alla precoce scomparsa del padre, Domenico inciampa in un rudere. Nasconde la tomba di Henriette, una bambina di quattro anni, morta nel 1883. Una scoperta inattesa, che indirizza la vita del protagonista, forse anche professionalmente. “La casa di Henriette” è una storia travolgente, quella di un legame insolito e profondo, che mette in moto una ricerca dall’esito imprevedibile, il cui epilogo ci costringere a guardare dentro di noi con maggiore curiosità. Cosa abbiamo in comune con la storia di Henriette? Quanto sono importanti le nostre radici? In che modo il destino sceglie fortune, sfortune e legami tra le persone? Una vicenda autobiografica, toccante e poetica, l’incontro casuale o forse no, con una bambina morta nel 1883, che avrà l’effetto di un terremoto, prima nella vita di un adolescente, poi dell’uomo e del professionista. Attraverso la ricerca delle radici dei protagonisti, la costruzione dell’Europa è come un flusso continuo di diversità, che comincia molto prima di noi, qualcosa che ci portiamo nel Dna. Un racconto di formazione, che è anche quella di un continente, determinato e alimentato da persone che migrano, mosse da pretesti e ansie singolari. Come l’autore, che giovanissimo, lascia la sua città in Sicilia per cercare fortuna al Nord. Come i nonni della piccola Henriette, facoltosi commercianti che, partiti da Copenaghen nella prima metà dell’Ottocento, impiantarono una fiorente attività nella città sullo Stretto. Qui i destini di questa famiglia si incroceranno con quello dell’autore, influenzandone, malgrado i diversi piani temporali, il percorso esistenziale, attraverso circostanze sorprendenti, quasi mosse da fili misteriosi.


Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili. Per gli appuntamenti con maggiore affluenza, è prevista, a partire da un’ora prima dell’inizio dell’evento, la distribuzione di un tagliando a persona che consente l’ingresso in sala. Possono prenotare il posto in sala solo i possessori della Carta Plus (acquistabile qui o presso il desk dell’Accoglienza del Circolo dei lettori, via Bogino 9).

 

 

 

Torino Spiritualità 2019
Palazzo Granieri della Roccia
Via Giambattista Bogino 9
Orari di segreteria
Lunedì - Venerdì | 8.00 - 18.00
Sabato e Domenica | Chiuso
Gli altri progetti della Fondazione Circolo dei lettori:

Un progetto di

Con il sostegno di

Con il patrocinio di