Essere e neon. Archeologia di una modernità luminosa

Nel 1903 l’inventore Georges Claude imprigiona un gas raro in un tubo luminoso: è il neon, aria liquida che diventa corrente e conquista la notte. Nelle grandi città le insegne si accendono, rischiarano strade e piazze come una camera delle meraviglie a cielo aperto, capace di eclissare la luna dei poeti. Una vittoriasul buio che il filosofo Marco Filoni racconta attraverso le forme luminose del nuovo immaginario urbano: che cosa sarebbe Pigalle senza le sfavillanti eliche del Moulin Rouge? O New York senza le luci intermittenti di Times Square?

Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili
I possessori di Carta Extra possono prenotare il posto in sala

Torino Spiritualità 2019
Palazzo Granieri della Roccia
Via Giambattista Bogino 9
Orari di segreteria
Lunedì - Venerdì | 8.00 - 18.00
Sabato e Domenica | Chiuso
Gli altri progetti della Fondazione Circolo dei lettori:

Un progetto di

Con il sostegno di

Con il patrocinio di